Magic Maker: Harold Koda del Costume Institute

Harold Koda in un abito grigio. Foto per gentile concessione del Metropolitan Museum of Art / BFAnyc.com / Joe Schildhorn

Costume Institute presso il Metropolitan Museum of Art di Harold Koda rivela l'amore per i semi grigi e un impulso spinto (con grande successo) dalla procrastinazione.

Quando hai capito che volevi essere uno studioso di moda?

Koda: Sai che non penso di aver mai davvero voluto essere uno studioso di moda. (ride) Mi sono reso conto che volevo fare qualcosa di moda.

Negli anni '70, quando frequentavo la scuola di specializzazione in storia dell'arte, guardavo Colloquio rivista e vedere le foto di Andy Warhol e Truman Capote uscire con Halston e Bianca Jagger, e ho pensato, c'è questa vera intersezione di arte, moda e celebrità che sta accadendo. Sembra divertente, piuttosto che serio. Così ho pensato, forse c'è un modo per intersecare i due.

Il mio primo lavoro è stato come tirocinante presso l'istituto del costume che lavorava per il restauratore dell'epoca, Elizabeth Lawrence, che era adorabile. Il mondo intero era molto, molto diverso nei costumi e nei tessuti. Non è passato molto tempo, ma è una storia molto antica, quando c'erano circa 70 donne volontarie che venivano in diversi giorni della settimana, circa 10 o più al giorno, per lavorare sugli spettacoli e sugli abiti della collezione.

Ora, non lo lasciamo chiunque gestire il materiale a meno che non sia un conservatore e abbia una formazione professionale. Ma allora, 40 anni fa, era un posto molto diverso, e la cosa migliore per qualcuno come me, perché sono abbastanza bravo con le mie mani.

Una delle prime cose che ho vestito era un abito da lutto del 1880 in raso nero e c'erano queste rughe nel corpetto, linee orizzontali. Il curatore in quel momento arrivò dicendo: "Oh, il modo in cui puoi sbarazzartene è quello di dargli vapore con le dita". (ride) Ora questo è qualcosa che oggi farebbe in modo che un conservatore mi tagli le mani, lo vaporizzi con le dita!

Più tardi presi lezioni al FIT e mi resi conto di quanto fosse sciocco, quello che mi era stato detto. In effetti, quello che avrei dovuto fare era solo abbassare la linea di cintura. Poi le rughe si abbasserebbero.

Abito da lutto in seta francese, circa 1880. Foto per gentile concessione del Metropolitan Museum of Art / Regalo della signora R. Thornton Wilson, 1943

Quindi è completamente diverso ora.

Koda: Sì, tutto! Quindi qui c'era qualcuno che non aveva una vera esposizione al vestito storico appena caduto nel mezzo e che aveva l'opportunità di lavorare con una delle più straordinarie collezioni di costumi del mondo.

Per me era una specie di oasi. Hai avuto tutto questo (ride)-sembra strano, ma c'erano tutte queste donne molto, molto privilegiate, molto sociali. Le donne che stavano facendo questo erano mogli con mariti magnati. Questo è stato qualcosa che hanno fatto.

C'era questa donna, ad esempio, che sapevi non sapeva nemmeno dove fosse la cucina nel suo appartamento di 14 stanze. Ma quello che era davvero geniale nel fare - poteva stirare. Quindi qui hai avuto questa persona che sai avere una corsa calda e fredda che aiuta a stirare una sottoveste del 1890 come la cameriera della migliore signora della storia.

Per me era come un registro sociale che cuciva ape. Lavorerei al mio progetto e loro parlerebbero di cose. A 23 anni, tutto sembrava così stanco, sofisticato e strano.


Charles James Ball Gowns, 1948. Per gentile concessione del Metropolitan Museum of Art, Fotografia di Cecil Beaton. Copyright Condé Nast.

Chi o cosa ha influenzato il tuo lavoro?

Koda: In realtà sono due persone. Diana Vreeland mi ha presentato l'idea che l'abbigliamento possa trasportare tutti i tipi di narrativa, ma devi renderlo esplicito al pubblico. Devi vendere l'oggetto, non puoi semplicemente dire che metterò questo vestito e lo faranno stare lì e la gente verrà, devi renderlo abbastanza interessante per loro. Se hai qualcosa da insegnare alle persone, devono volerlo imparare. Questo è ciò che ho ricevuto dalla signora Vreeland: è necessario introdurre lo showman se si è seriamente intenzionati a comunicare idee

Poi c'era Richard Martin, il mio capo, da quasi 20 anni. Non si trattava del nocciolo duro dei vestiti, non sapeva come fosse fatto nulla. Per lui era più la meta idea di cosa fosse un vestito. Ero solito stuzzicarlo. Direi, 'Sai che sei come un teorico francese, tutte le ragnatele nel cielo.'

Ma in realtà elevò la nozione di studiare l'abbigliamento oltre il semplice, "Nel 1880, le donne a Parigi lo indossarono". Ha introdotto nozioni di altri concetti sui vestiti. Abbiamo fatto uno spettacolo che riguardava i fiori e le fantasie, e l'ha persino realizzato quello un'indagine intellettuale

Quindi quelle due persone, Richard, per avermi presentato l'idea che l'approccio concettuale all'interpretazione dell'abito sia degno, e la signora Vreeland, per avermi introdotto all'idea che l'abbigliamento è qualcosa che può portare storie incredibilmente avvincenti.

Pensi che le tue scelte estetiche siano cambiate da quando hai iniziato la tua carriera?

Koda: Sono fondamentalmente un modernista minimalista, ma lo amo davvero quando le altre persone sono il massimo barocco. Quando non si tratta di me stesso, mi piace l'intero spettro del design e dell'estetica.

A cosa stai lavorando attualmente?

Koda: Stiamo lavorando alla mostra di Charles James, proprio nel bel mezzo di finire la fotografia per il catalogo, e sarà una rivelazione per le persone. James era qualcuno che ha forgiato la sua strada. I suoi vestiti potrebbero sembrare vestiti "New Look", ma il modo in cui li ha fatti è completamente individuale. È un couturier indipendente.


Harold Koda (a sinistra) con Anna Wintour (al centro) e Giorgio Armani (a destra). Foto: Venturelli / WireImage

C'è qualcosa di specifico che fa assolutamente diverso da tutti gli altri?

Koda: Quello che fa è prendere un'idea o una tecnica del passato e trasformarla completamente nella sua applicazione. Per qualcuno a cui piacciono la costruzione e la tecnica, è stato davvero incredibile studiare il suo lavoro.

Ed è quello che faremo con la mostra. Vogliamo che il pubblico generale capisca come l'ha fatto: dimostrare non solo abiti semplicemente belli ma, per la prima volta, come qualcuno realizza un vestito in modo personale e distintivo.

Cosa ti sta ispirando in questo momento?

Koda: Non sono davvero una persona del teatro, dico sempre che non ho il gene del teatro, ma di recente ho visto quello di Matthew Bourne La bella addormentata. Introduce i vampiri alla storia. Sembra che potrebbe non funzionare, ma ha fatto davvero per me. Quando vedo un classico trasformato in qualcosa di molto originale, questo mi ispira. Perché penso che sia una specie del mio lavoro: prendere abiti storici e presentarli a un pubblico contemporaneo in un modo che li renda pertinenti.

Se si presenta la cronologia come cronologia, potrebbe essere troppo rimossa. La mia sfida è prendere qualcosa di distante e renderlo rilevante, come La bella addormentata, dove hai tutte le parti essenziali di una storia e poi girali completamente per renderlo ugualmente avvincente e memorabile. È stato divertente. Ho lasciato quella produzione su un livello elevato.

Cosa ti aiuta a sentirti creativo?

Koda: Sono sempre stato un procrastinatore - lascio le cose alla fine amara e amara - così davvero, è l'ansia. Sono così ansioso.

Per le altre persone, l'ansia li fa congelare: l'ansia mi fa finalmente fare qualcosa - questo è ciò che mi rende davvero creativo. So che non è una cosa divertente, non è come andare in un giardino zen, ma è proprio quello che è.

È interessante, e probabilmente molto realistico per molte persone.

Koda: Quando ero al college e avevo un terapista, dissi: "Non so perché lo faccio. Non studio fino all'ultimo minuto ed è davvero orribile. Ma continuo a farlo, e continuo a procrastinare ".

E lui dice: "Bene, come si fa?"

E io dico: "Bene, io sto bene".

E lui dice: "Bene, quello che sta dando da mangiare è che tu stai bene. Se non lo avessi fatto, avresti smesso di farlo ".

Il sistema funziona.

Koda: Si. Ma è male, non è un buon sistema. Ma funziona. Funziona. Ci possono essere diversi sistemi per persone diverse.

Ci sono delle regole ampiamente accettate che ti piace buttare dalla finestra?

Koda: No, sono così conservatore. Seguo davvero le regole, ed è per questo che penso di ammirare le persone creative così tanto. I creativi sono sempre alla prova dei limiti e ci spingono sempre oltre ogni aspettativa. Seguo sempre le regole, ma cerco di inserire nel mio conservatorismo una sorta di senso di novità. Quindi mi piace lavorare all'interno delle regole ma all'interno di un framework che sembra essere un'innovazione o un nuovo modo di guardarlo. Stai lavorando all'interno del sistema, ma in qualche modo lo guardi in un modo diverso.

Non sono davvero un violatore delle regole.

Quali sono alcuni stilisti che ti hanno sempre ispirato visivamente e continuano a distinguerti per te oggi?

Koda: Madeleine Vionnet che ha lavorato negli anni dell'adolescenza, degli anni '20 e '30 ed è stata la grande sostenitrice del pregiudizio. Ha appena preso la stoffa e l'ha trasformata in diagonale, e questo introduce molta flessibilità. Così con questi tagli davvero originali è stata in grado di creare una moda che si spostava sul corpo, plasmandosi sul corpo.

L'altro designer che trovo davvero straordinario è Cristóbal Balenciaga. A differenza di Vionnet, che stava introducendo qualcosa di completamente nuovo, ha guardato al passato, e ha semplicemente continuato a ridimensionarlo, ridiscutendolo, rivisitandolo, ma lavorando sempre con i suoi materiali fino a che non è arrivato al puro livello riduttivo del design, dove è stato molto, molto leggero, ma ha conservato questa presenza scultorea.

In termini di designer contemporanei, perché amo così tanto la tecnica, devo dire che è Azzedine Alaia, che in realtà ha le qualità sia di Vionnet che di Balenciaga.

Quali qualità ti piace avere presente nel tuo guardaroba?

Koda: Brainlessness. (rideVado nel mio armadio, e ho solo abiti grigi, ma in realtà ho un blazer blu scuro e cappotti sportivi per il paese, ma in realtà la maggior parte delle volte è solo un'uniforme. Mi piace quello che ha detto Francine du Plessix Gray riguardo al suo patrigno, sto per parafrasare, ma è stato qualcosa in tal senso che si è vestito con un'austerità quasi monastica - questo è ciò a cui aspiro, un'austerità ripetitiva e monastica.

Getty ImagesStephen Lovekin / Getty Images


Harold Koda (a sinistra) con il designer Karl Lagerfeld (a destra). Foto: Stephen Lovekin / Getty Images

Qual è stato uno dei tuoi progetti preferiti nel corso degli anni?

Koda: Ci sono due. Entrambi hanno a che fare con il lavoro con i designer viventi. Uno era lo spettacolo di Chanel in cui abbiamo lavorato con Karl Lagerfeld. Trascorrere una mezz'ora con lui è così rinvigorente perché vedi un vero polemico, qualcuno che sa qualcosa di tutto e lo esprime senza filtro: è così eccitante.

L'altra stava lavorando con Miuccia Prada che è di nuovo un'intelligenza che, qualunque cosa tu pensi, pensa alla stessa cosa da una direzione completamente diversa. Quando hai a che fare con talenti creativi come questo, rende l'intero progetto. Ciò non significa che sia facile, perché sono anche molto, molto supponenti riguardo alle cose, ma nella sfida c'è questo brivido di essere in grado di collaborare con una grande mente.

Non si tratta solo di un buon occhio, queste sono due persone che hanno grandi menti.

Cosa fai nel tuo tempo libero?

Koda: Trascorro molto tempo sul sito immobiliare e sul sito di aste 1stdibs. Sono dipendente dal guardare al settore immobiliare.Ovunque vada, penso di avere una casa, un appartamento o, in un caso, un monastero lì. Stiamo costruendo un'aggiunta alla nostra casa nel paese e in questo momento sono concentrato su qualcosa che si chiama Grace svedese, un periodo di progettazione in Svezia tra le due guerre. Negli anni '20 hanno avuto un ritorno al classicismo e adoro i disegni di quel movimento. Passo costantemente attraverso 1stdibs e Bukowski's, una casa d'aste a Stoccolma.

Fondamentalmente, trascorro molto tempo sul web guardando i mobili e sognando di proprietà.

Hai viaggiato da qualche parte di recente in un posto che ti ha influenzato?

Koda: Amo Miami, adoro Miami. C'è qualcosa di eccitante, in crescita e senza regole, e poiché sono così teso, è completamente contrario alla mia personalità, e io amo questo.

Recentemente, siamo partiti per un viaggio a Sintra, in Portogallo, dove i palazzi estivi dell'aristocrazia di Lisbona circondano la ritirata del re. C'è un'alta montagna molto umida che si affaccia sull'Oceano Atlantico ed è assolutamente poetica. Abbiamo alloggiato in un palazzo del 18 ° secolo. Siamo andati in tarda primavera, ed era tutto nebbioso, con la pioggia. È un posto romantico, molto umido, tutto è coperto di muschio.

Mentre eravamo in questo palazzo, stavano filmando un film del 19 ° secolo, così ogni mattina ci svegliavamo per piovere - era in realtà nebbioso e non pioveva - perché la troupe del film avrebbe installato queste macchine da pioggia fuori dalla nostra finestra. E poi sentiremmo cavalli e una carrozza scendere dalla ghiaia. Continuavano a ripetere questa scena più e più volte, quindi ti sentivi come se fossi in un palazzo nel 18 ° secolo con cavalieri e carrozze che arrivavano alla tua porta sotto la pioggia. Poi, naturalmente, nel pomeriggio, l'avevano rotto tutto. Ogni mattina per tre giorni l'abbiamo sentito.

Ma quello che mi ha ispirato del viaggio è stata questa villa molto strana costruita da un eccentrico milionario all'inizio del secolo. Era nel misticismo. Nel suo giardino è questo bene. Puoi scendere in questo pozzo, a circa 100 piedi di profondità in una scala di pietra stretta, bagnata e scintillante, e in fondo c'è un segno massonico mistico sul pavimento. Quindi hai due uscite. Puoi vedere una debole luce in uno di essi, e l'altra uscita è assolutamente buia.

Quindi quello che fai è scegliere l'uno o l'altro per uscire da questo posto. La cosa che amo di questo è, è così controintuitiva. Se lasci che la tua mente funzioni, tu scegli la luce, ma questo ti porta in una cascata e devi camminare su queste pietre bagnate, è davvero complicato.

Ma se vai con la tua emozione e vai nell'oscurità, ti porta dritto fuori. Questo mi ha davvero ispirato. Non ricorrere semplicemente a ciò che è logico, che è il percorso luminoso. A volte fai ciò che è pericoloso e misterioso e potrebbe portarti a una conclusione più efficiente.

Loading...