Ben progettato: Biblioteca di Charlotte

Con più persone che scaricano libri elettronici su computer e handamajigs di plastica tenuti in mano, si potrebbe sospettare che la biblioteca di casa sia destinata a diventare pittoresca come un salotto di vecchi centrini polverosi. Ma trascina questa nozione nell'icona del cestino nella parte inferiore dello schermo, per favore, perché una libreria può essere assolutamente da vedere e non da muffa. Chiedi a Ray Booth, che ha ridisegnato una casa a Charlotte, nella Carolina del Nord, con una biblioteca che ti invita ad essere desideroso di far compagnia ai vicini come faresti con i romanzi di Joan Didion o John Grisham.

"Volevamo offrire a questi proprietari una libreria classica, ricca e accogliente", afferma Booth. "Abbiamo scelto marroni, terracotta e oro per evocare un senso di calore, e abbiamo utilizzato pareti con pannelli di carta stropicciata, c'è persino una sedia dal colore della rilegatura in pelle, abbiamo cercato di progettare la libreria per eccellenza e renderla accogliente". Il designer ha eseguito un drappeggio di mohair attraverso le porte francesi su un lato della stanza: "Il punto non era quello di tagliare la luce ma, piuttosto, avvolgerti emotivamente". L'effetto è stratificato, perfetto per il bozzolo. Come si dice in biblioteca, dai un'occhiata.

INTERIOR DESIGN BY RAY BOOTH

ARCHITETTURA DI BOBBY MCALPINE E SCOTT TORODE

FOTOGRAFIA DI PETER VITALE

TESTO DI LINDA SHERBERT

Loading...