L'isola di St. Helena avrà presto un proprio aeroporto

Dopo che gli inglesi lo sconfissero nella battaglia di Waterloo nel 1815, Napoleone Bonaparte fu bandito nella remota isola di Sant'Elena, situata al largo dell'Africa, nel mezzo dell'Oceano Atlantico del Sud, a circa 1.200 miglia dalla terra.

La piccola isola vulcanica, insieme al resto dell'Atlantico, era controllata dall'Impero britannico. Questo, unito alla sua posizione remota, rese impossibile l'evasione per l'ex imperatore dei francesi, che morì sull'isola nel 1821.

Oggi, Sant'Elena è ancora una delle isole più isolate del mondo - l'unico modo per arrivarci è prendere la nave postale che fa il viaggio di cinque giorni e mezzo da Città del Capo, in Sud Africa, ogni tre settimane. Ma quell'isolamento non durerà molto più a lungo.

Secondo la CNN, nel 2016 si aprirà un aeroporto sull'isola, aumentando le opportunità per il turismo. Anche i 4.500 abitanti dell'isola, noti come "Santi", potranno viaggiare molto più facilmente fuori dalla loro terra d'origine.

L'arrivo del viaggio aereo offrirà alle persone di tutto il mondo la possibilità di sperimentare gli splendidi paesaggi indisturbati di Sant'Elena, nonché i suoi siti storici e l'affascinante capitale, Jamestown.

E anche se solo il tempo dirà come l'aeroporto di St. Helena avrà un impatto sull'area, come riporta la CNN, il collegamento con Napoleone potrebbe anche attirare un sacco di appassionati di storia sulle meravigliose coste dell'isola.

Loading...