HOUSE TOUR: Il revival coloniale del designer Andrew Brown è un vero e proprio gabinetto di curiosità

SE PROGETTA IL PROSSIMO VIAGGIO O
PROGETTARE UNA STANZA, ANDREW BROWN
RENDE OGNI DECISIONE CON UNO
PAROLA IN PAROLA: AUTENTICITÀ.

"Il viaggio è un'enorme fonte di ispirazione", dice. "Si apre il tuo
occhi a tante nuove cose e ti costringe a guardare tutto
in un modo diverso. "Cercando il sapore nativo, Brown insiste che il
il polso di una città si trova attraverso l'occhio di un locale. Lo stesso vale per
la sua filosofia di design: tutto ciò che porta a casa sua è
un riflesso dei suoi viaggi.

Brown trascorse i suoi anni formativi in ​​Francia e in Africa occidentale.
Da adulto, è tornato alle sue radici in Alabama ma si è aggrappato al suo
affetto per la voglia di viaggiare, fare viaggi nel mondo e un grande design a
priorità di stile di vita.

Scegliendo oggetti con provenienza, Brown cura la sua collezione
di mobili, accessori e arte per essere una vera e propria rappresentazione
di esperienze e ricordi. Il suo risveglio coloniale degli anni '30 a
Birmingham è il teatro che racconta la sua storia. "Alcuni pezzi hanno
stato accumulato sui viaggi, alcuni sono una reazione ai luoghi che ho
stato, e tutto questo è un mix di diversi luoghi e stili che
Sono stato esposto a tutta la mia vita ", dice.

L'assemblaggio apparentemente disparato di Brown si unisce sotto il suo
Affinità per linee pulite, pezzi in grassetto e colori classici
tavolozze. Nel suo salotto, un tavolo da gioco in legno di radica degli anni '60 di
John Widdicomb aggiunge la gamma di sedute che include a
divano moderno, senza braccioli, rivestito in velluto blu royal, a
Poltrona da slittino in stile vittoriano e un'antica bergère francese.
I riferimenti globali arrivano attraverso cuscini zebrati, un siriano
taboret table e un elegante tessuto ikat. Un antico rococò italiano
lo specchio di stile aggiunge un tocco drammatico.

"Una combinazione di trame, patine, strati, altezze variabili,
ordine e disordine, vecchio e nuovo, aristocratico e tribale ... questo, tutto
insieme, è ciò che crea uno spazio di successo ", dice Brown
sulla creazione della giusta dose di tensione tra tutto. "

Solo una stanza in profondità, la casa è una serie di spazi stretti che
fluire visivamente l'uno nell'altro. Punti focali in grassetto, come la pelle
porte coperte, finte finiture, stampe su larga scala e accenti neri
attirare l'attenzione da una stanza all'altra.

Evitando le cattive connotazioni della parola souvenir, Brown
dice che i suoi ricordi sono ricordi onesti dei suoi viaggi: "È meglio
per trovare mercati locali o fiere di antiquariato per comprare arte, o piatti, o
qualcosa che effettivamente userete. Alcuni dei miei reperti più preziosi
provengono dai mercatini delle pulci di Buenos Aires, Parigi e Bangkok ".

Insistendo sul fatto che l'auto-editing è la chiave, Brown fa riferimento a un mantra preferito: "Dorothy Draper ha detto:" Se sembra giusto, è giusto ". Ovviamente,
Sono abbastanza sicuro che intendesse dire che era giusto se pensava che sembrava
giusto, ma credo di andare dalla stessa filosofia. "

Per Brown, l'atmosfera di una stanza è importante tanto quanto l'aspetto.
"Adoro l'ambiente", dice. "O, come soleva fare la mia bisnonna
diciamo, un posto con atmosfera. "Ha progettato la propria casa con
queste pareti mentalmente avvolte avvolgono e aggiungono uno strato teatrale
il dramma, la luce della lampada e le applique sono regolabili per impostare il giusto
tono, e le fragranze preferite, come candele Cire Trudon da
Parigi, evoca tempo e luogo. "Mi piace ricreare le parti migliori di
il mio viaggio nella mia casa attraverso la vista, il profumo e il tatto, quindi posso
ricorda quelle grandi esperienze ogni giorno ", dice Brown.

Fai un tour della casa di Brown nella galleria, qui.

Loading...