HOUSE TOUR: Miles Redd sogna un attico di Manhattan con vivaci personalità

Miles Redd, prodigio di design newyorkese di origine georgiana, afferma l'ovvio quando dichiara: "I love color". Ma è più di questo. "Adoro le relazioni di colore più di ogni altra cosa: se ti avessi mostrato un campione di lacca gialla da tassello, potresti pensare che assomigliasse a tuorlo d'uovo essiccato," dice Redd, riferendosi alle pareti del soggiorno di un Upper West Side appartamento che ha recentemente decorato, con il suo collega David Kaihoi, per una coppia con quattro bambini piccoli. "Ma se lo metti con blu e verdi, grigi grigi e rossi, lo abbassa di una tacca e ti dà la sensazione di brandy tenuto alto fino alla luce del fuoco." Tali immagini sontuose sono le scorte del designer. "Sono un romantico", dice. "Non lo nego."

"Se dovessi descrivere questo posto senza che io lo vedessi veramente", dice la moglie, "sembrerebbe troppo, ma non lo è, non va oltre". Tra qui e "oltre" c'è una linea su cui Redd balla e occasionalmente piroette, in senso decorativo, abbastanza appropriato per un tizio fotografato saltando da una stanza specchiata brandendo un cappello a cilindro e un bastone.

Il ceruleo del divano del soggiorno sembra uscito da un paesaggio marino di Sorolla ... Una sedia da pantofola ha il colore di una guancia rosata, il rossore di un ritratto Zorn.

Nell'ingresso dell'appartamento anteguerra non è richiesto alcun salto per apprezzare il modo in cui i riflessi dorati e scarlatti nella carta da parati blu e grisaille, altrimenti pallida, si ripresentano nelle pareti luminose del soggiorno, nei paralumi in seta rossa del vestibolo e nelle porte in pelle tappezzata di Redd. Il cielo della carta da parati riappare come morbide tende blu che incorniciano le vedute di Central Park. Schermi a mezzitoni e chintz incontrano le controparti contemporanee nel lampadario in gesso bianco della sala da pranzo di Stephen Antonson e il tavolo in marmo di Saarinen. "Adoro il modo in cui mescola le cose", dice la moglie. "Mantiene le cose aggiornate", aggiunge Redd, il cui amore per il tattile e il tradizionale non offusca la sua affinità per l'audace e il nuovo.

"Romantico" non significa rigido. In effetti, il movimento romantico nelle arti era una reazione contro le discipline del classicismo e dell'Illuminismo e una celebrazione dell'espressione individuale. In che modo i libri accatastati sul tavolo della biblioteca (quando non sono in uso per le sessioni di compiti a casa e le cene di vacanza) sono dedicati a artisti come John Singer Sargent, Joaquín Sorolla e Anders Zorn, artisti le cui carriere attraversano le epoche vividamente innovative tra il moderno. Il fatto che le stanze di Redd possano essere rese da una qualsiasi delle tavolozze di quegli artisti è tanto intenzionale quanto gratificante per il suo cliente, un pittore stesso. Il ceruleo del divano del soggiorno sembra uscito da un paesaggio marino di Sorolla; le bianche balze delle tende della camera da letto catturano la luce proprio come una vestaglia potrebbe essere nelle mani di Sargent. Una sedia pantofola ha il colore di una guancia rosata, il rossore di un ritratto di Zorn.

L'abile combinazione di due appartamenti dell'architetto Thomas Vail per creare questo ha reso il lavoro di Redd molto più semplice, poiché il flusso riguarda la composizione e la sequenza tanto quanto il colore. Aiutando quel flusso, Redd dice di pensare a se stesso come un pittore, anche "cercando di sistemare i colori delle stanze dentro e intorno all'appartamento in modo che ci sia una connessione tra loro". Una connessione di colore, sì, ma anche a un più profondo senso di comfort e coccolatura, che rende la vita in città sia sopportabile che bella.

Questo articolo è stato originariamente pubblicato nel numero di novembre / dicembre 2015 di Veranda. Per visitare l'intera casa, clicca qui.

Loading...