TOUR: Una casa di San Francisco dove le decorazioni natalizie sono dorate e grandiose

Dicembre è il periodo più bello della spettacolare residenza 1913 di Ann e Gordon Getty, nel quartiere di Pacific Heights a San Francisco. Ogni anno, i membri della famiglia arrivano da tutto il mondo per unirsi alla coppia per un mese pieno di festeggiamenti. Si riuniscono al fianco di amici di lunga data per festeggiare le festività e il compleanno di Gordon, che cade solo cinque giorni prima di Natale.

Ghirlande di vegetazione fresca aggiungono un tocco di stagione alle porte anteriori; Lanterna francese del XIX secolo; pareti dipinte in porcellana d'avorio, Benjamin Moore.

Ann, acclamata interior designer e filantropo, ha sempre avuto un grande piacere nel divertire i suoi ospiti. "Mi piace essere coinvolto con decorazioni per le vacanze, menu e fiori", dice. "O persino coinvolgere giovani musicisti, un mago o attori in costume."

Piatti della famille rose del 1820 circa; cristallo, Baccarat; posate antiche, Tiffany & Co.

I preparativi iniziano la prima settimana di dicembre, quando un evergreen alto 13 piedi è collocato al centro del salotto, noto come sala della musica. Ben presto, l'albero si trasforma in una confezione magica adornata da nastri dorati e minuscole luci.

Anche tra i rami ci sono ornamenti squisitamente dettagliati raffiguranti personaggi di opere scritte da Gordon, che è un compositore. "L'ho sorpreso con le figurine per il suo 80 ° compleanno", dice Ann. "Contiene spartiti e strumenti musicali e indossano abiti couture e costumi autentici."

Ann Getty con i suoi goldendoodles, Yankee e Dandee e Perpetua, una razza mista.

I Gettys ospitano cocktail e recital in questo spazio, che ha un tema russo. Il tappeto di lana annodato a mano del XIX secolo è russo e un tempo apparteneva allo scozzese Duca di Hamilton. Le tende patchwork erano realizzate con tessuti che un tempo decoravano il leggendario appartamento parigino di Rudolf Nureyev, un amico della coppia. Anche il divano a due lati del ballerino di balletto ha ispirato quello qui, che è rivestito in un velluto di seta nero e rosa realizzato su telai veneziani del XVIII secolo.

Vasetti di vetro farmaceutico pieni di dolcetti per le vacanze vengono visualizzati su una console George II. Poltrona inglese del XVIII secolo; arte, Canaletto.

La sala da pranzo a tema chinoiserie raggiunge il dramma accresciuto con l'abile stratificazione di Getty di antiquariato raro e artigianato raffinato. I pannelli a muro sono incastonati con bande di verre églomisé, e le tende voluminose brillano nei metallizzati. Nella parte superiore delle pareti, montate su parentesi dorate, figure di porcellana dipinta delicatamente di immortali cinesi scrutano gli ospiti.

"Sono appassionato di tutte le cose cineserie", dice Ann. "Adoro l'estetica asiatica, in particolare lo stile eccentrico interpretato da e per gli europei: per me, la porcellana da esportazione cinese è accattivante ed energizzante".

Banquette personalizzata in un velluto Bevilacqua d'archivio, mobili Hilde-Brand; Poltrone inglesi settecentesche e pannelli cinesi in seta; Tavolo Luigi XIV; opera d'arte, Jacques-Emile Blanche.

Durante l'ultimo mezzo secolo, la coppia ha accumulato una collezione museale di antiquariato europeo, dipinti veneziani, tessuti francesi e lampadari russi. Nel soggiorno, una coppia di poltrone in legno dorato del XVIII secolo uscirono dalla storica Spencer House di Londra. Le pareti della stanza sono incassate in pannelli di schermi Coromandel e sono appese con dipinti impressionisti incorniciati in oro. In tutta la casa, ci sono cuscini decorativi realizzati con frammenti di sari antichi, sete di Lione e broccati cinesi ricamati raccolti da Ann nei suoi viaggi globali.

Gli ornamenti a tema musicale abbelliscono l'albero delle vacanze, che raggiunge quasi il soffitto. Sedia laterale riproduzione in legno dorato in primo piano, collezione Ann Getty House; Divano novecentesco in Bevilacqua e velluti vintage; Ottomana e tappeto ottocentesco; George II scolpiva sedie da finestre; lampadari personalizzati.

Tutto ciò rappresenta un'ambita impostazione per la conversazione. E mentre gli ospiti della festa si allontanano, un altro incantesimo attende: su un tavolo in legno intagliato del 1740 circa intagliato nella galleria d'ingresso, il pasticcere della famiglia offre caramelle fatte a mano in oro e bonbon francesi e italiani da portare a casa in graziose scatole. Ogni dolce boccata è un felice ricordo di una serata gloriosa.

Questo articolo è apparso originariamente nel numero di novembre-dicembre 2016 di VERANDA.

Loading...