TOUR: Un progetto di sala da pranzo inverno-bianco che è una festa per gli occhi

La sala da pranzo di Alex Papachristidis per la Kips Bay Decorator Show House della scorsa primavera ha incitato alla frenesia sui social media, tanto che anche l'interior designer, un po 'un instagram di Instagram con più di 52.000 seguaci, è rimasto sorpreso. Tuttavia, si era aspettato che la stanza facesse impressione. "Questo è quello che fai con una showhouse: impazzisci", dice. "Le persone vogliono essere impressionate."

Gli elementi architettonici della carta da parati dipinta a mano sono riecheggiati nel motivo a nido d'ape del modanatura a corona. Tavolo personalizzato e lampadario, Eve Kaplan per Gerald Bland; Sedie Dalva Brothers in tessuto Cowtan & Tout; mensola del camino, Chesney; pavimenti dipinti, Boxton Interiors.

Eppure non erano i "mi piace" che Papachristidis cercava con questo progetto tanto quanto l'amore, per l'antiquariato. "La cosa più importante per me è che la gente veda la rilevanza dell'antiquariato, compresi i mobili del XVIII secolo", dice. "Perché creiamo così tante cose nuove quando abbiamo cose belle così belle? Naturalmente uso anche pezzi nuovi di qualità, ma lo mescolo. Gli oggetti d'antiquariato devono essere usati nel modo giusto." Con la loro qualità superiore e la maestria artigianale, sostiene, gli oggetti d'antiquariato danno alla gravità un interno, oltre a dare profondità, forza e un senso di eternità.

Tocchi di sartoria couture donano lucentezza e pizzività alla stanza. Chande-lier personalizzato, Eve Kaplan per Gerald Bland.

Come la sua opera in generale, la sala da pranzo di Kips Bay aveva lo scopo di enfatizzare tutto da "l'importanza della storia nelle arti decorative, alle grandi icone di stile e decoratori del passato, agli interni iconici". Controlla, controlla e controlla.

La sala da pranzo incorpora un'area salotto per piacevoli intrattenimenti pre e post pasto. Divano personalizzato e pouf in tessuto Larsen, José Quintana; Lampada da terra Frances Elkins, Liz O'Brien; tende in seta Cowtan & Tout con rosette in velluto Larsen.

L'arredamento sublime percorre una linea temporale ampia, con riferimenti storici che vanno dalla Francia del XVIII secolo alla New York del XX secolo. Papaphristidis, spinto dalle ultime preferenze dei suoi clienti, scelse una tavolozza neutrale. "Mi ha spinto a fare tutte le cose che faccio", dice, "ma senza colore". Il design della carta da parati Gracie proveniva dalla sala da ballo che la leggendaria decoratrice Elsie de Wolfe ha creato per l'editore Condé Nast negli anni '20. Papachristidis ingrandì drammaticamente la scala e la fece dipingere a grisaglia. "Tu cambi la proporzione e all'improvviso diventa molto moderno", osserva.

Coppa danese d'argento, Dienst + Dotter.

L'audacia grafica del pavimento stenciled aggiunge un'altra nota contemporanea alla stanza. Alla veneranda Dalva Brothers di New York, un paio di elaborate console dorate fermarono il designer sulle sue tracce. Dopo aver appreso che una volta appartenevano a Mona von Bismarck, la contessa nata nel Kentucky e icona della moda, doveva averli. "Adoro le console abbinate alla semplicità delle moderne lampade di Christopher Spitzmiller", afferma. Per quanto riguarda le sedie da pranzo del XVIII secolo: "Se fossero ricoperti da un pesante damasco, diresti hmm,"scherza, ha giocato contro il tipo, coprendo le sedie con tappezzeria chiara e giustapponendole nello spazio con un tavolo sorprendente con una base realizzata dall'artista ceramista newyorkese Eve Kaplan, il cui design contemporaneo riff su stili decorativi del XVIII secolo "La combinazione sembra fresca", dice.

Stoviglie da tavola, Mottahedeh; bicchieri, William Yeoward Crystal; posate, Buccellati.

Le tende a soffietto richiamano gli abiti da ballo couture e l'adorato guardaroba Balenciaga di von Bismarck. Semplici tavolini in pergamena lasciano riposare l'occhio, solo per essere ri-abbagliati da lampadari di cristallo impalpabilmente drappeggiati con perline di ceramica funky, realizzati su misura per il progetto da Kaplan, in un gesto inaspettato che cattura sia la leggerezza della stanza che la sua opulenza.

Per Papachristidis, a quanto pare, il presente è tanto più arricchito dalla bellezza - e, sì, dalla rilevanza - del passato.

Il designer Alex Papachristidis e il suo cane, Teddy. Rivestimento murale personalizzato, Gracie; Console del XVIII secolo, fratelli Dalva; paralume in tessuto Cowtan & Tout con rivestimento Samuel & Sons; lampada, Christopher Spitzmiller.

Questa storia è stata originariamente pubblicata nel numero di gennaio-febbraio 2017 di VERANDA.

Pin queste idee per dopo. Per ulteriori informazioni, segui Veranda su Pinterest!

Loading...